Siete qui

La Vitiligine: cos’è e come si può alleviare

La Vitiligine: cos'è e come si può alleviare

Sono in molti a soffrire di vitiligine ma per le donne questa malattia autoimmune spesso si porta dietro anche problemi psicologici.

Cos’è

La Vitiligine (o Leucodermia) è una patologia della pelle in cui le cellule che dovrebbero produrre la melanina – la sostanza che dà pigmentazione all’epidermide e protegge dall’azione nociva dei raggi ultravioletti – subiscono una modificazione e non sono più in grado di svolgere la loro funzione primaria. Circa l’1,5% delle persone del mondo sono affette da vitiligine. La vitiligine (leucoderma) è una condizione della pelle caratterizzata da una graduale perdita di melanociti, le cellule responsabili della produzione di pigmento melanico negli strati della pelle causando la manifestazione di chiazze bianche irregolari non pigmentate, ovvero di zone dove manca del tutto la fisiologica colorazione dovuta al pigmento, la melanina, contenuto nei melanociti. L’unico disagio fisico associato alla vitiligine è l’intolleranza alla luce solare, ma si applica solo quando una vasta area di pelle è esposta direttamente alla luce del sole. La vitiligine è una condizione altrimenti benigna che non provoca danni fisici. Tuttavia, la vitiligine provoca grande stress psicologico e imbarazzo per il paziente che può essere più doloroso di qualsiasi dolore fisico. La condizione così, oltre ad essere un problema medico, diventa anche uno stigma sociale. La vitiligine può verificarsi in qualsiasi età, in entrambi i sessi e su qualsiasi parte del corpo. È tuttavia più comune nelle donne che negli uomini. Le zone più colpite sono le mani, il collo, il dorso e il polso in questo ordine. Per la medicina ufficiale la causa è “sconosciuta” e si pensa che potrebbe essere una malattia autoimmunea, cioè che il sistema immunitario è impazzito e attacca alcune parti del corpo, in questo caso la strato cutaneo. Si sospetta sia ereditaria e genetica. I melanociti, forse attaccati dagli anticorpi, resterebbero vitali, ma smetterebbero di produrre melanina. La Vitiligine è contagiosa? La vitiligine non è contagiosa. Non si diffonde per contatto, cibo o altro.

La Vitiligine: cos'è e come si può alleviare

Origine

La letteratura medica ha accertato come la Vitiligine sia una patologia autoimmune piuttosto diffusa nella popolazione mondiale, ne soffre circa l’1 per cento delle persone, senza distinzione di sesso ed età. Pur essendo ancora incerti l’origine ed i fattori scatenanti il disturbo, la predisposizione genetica è un elemento che gli specialisti tendono a non sottovalutare, così come le disfunzioni a livello della tiroide, lo stress, l’abbassamento delle difese immunitarie favoriscono un’esacerbazione della patologia. La Vitiligine potrebbe altresì rappresentare il campanello d’allarme di sindromi metaboliche molto gravi quali il Diabete di tipo 1 o il Morbo di Addison (carenza degli ormoni corticosurrenali).

Come si manifesta

La manifestazione estetica più evidente è data dalla macchie di colore lattiginoso che compaiono in modo simmetrico o asimmetrico lungo tutto il corpo: nel primo caso si parla di Vitiligine bilaterale mentre nel secondo di Leucodermia segmentale.

Come si accerta

La diagnosi prevede un esame fisico diretto, un’indagine circa la storia personale e familiare del paziente (altri casi di Vitiligine, eruzioni cutanee precedenti, traumi cutanei, scottature, precoce ingrigimento dei capelli), esami di laboratorio. La vitiligine inizia normalmente con un piccolo punto bianco e successivamente si sviluppa in chiazze. Queste chiazze sono poco evidenti all’inizio ma diventano più evidenti quando il tempo passa per l’aumento della perdita di melanina. Mentre le macchie si ingrandiscono, si fondono l’una nell’altra e, nel corso del tempo, formano un ampia chiazza. In alcuni rari casi, la maggior parte della pelle del corpo può essere coperta da macchie bianche. La diffusione della vitiligine è di solito lenta e progressiva. I punti generalmente tendono a crescere simmetricamente su entrambi i lati del corpo, tuttavia in alcuni casi, vitiligine si diffonde casualmente in tutto il corpo. La vitiligine può variare in termini di dimensioni, forma, intensità della perdita di colore e nel profilo della loro distribuzione. Alcune volte la vitiligine diventa una condizione cronica della pelle mentre in altri casi può anche regredire da sola.

La Vitiligine: cos'è e come si può alleviare

10 Rimedi naturali per la vitiligine

La vitiligine è caratterizzata da una pelle eccessivamente sensibile. Qualsiasi rimedio suggerito qui deve essere provato su piccole chiazze per verificare eventuali allergie e infezioni cutanee. Questi rimedi naturali possono avere un effetto positivo sulla vitiligine soprattutto se viene trattata nella fase iniziale e in corrispondenza di un corretto approccio psicosomatico. Ci sono casi di successo anche con terapia omeopatica opportunamente personalizzata.

1. Risolvi lo stress: lo stress (fisico o emotivo) è stato trovato come il primo trigger di disturbi genealogici che si traducono e promuovono nella crescita della vitiligine. Affidati ad un terapista olistico o ad uno psicoterapeuta per cercare di sciogliere le cause dello stress. Ottime aggiunte ad uno stile di vita sano sono pratiche come la meditazione, yoga e altri esercizi di rilassamento: sono la cosa migliore che puoi fare arrestare la crescita della vitiligine.

2. Semi di Psoralea: I semi immersi nel succo di zenzero o di tamarindo (da sostituire quotidianamente) per tre giorni è uno dei rimedi domestici più diffusi per vitiligine. I semi di Psoralea essenzialmente replicano l’effetto della concia e sono efficaci nel ripristino del colore della pelle. Dopo tre giorni di immersione, i semi devono essere strofinati con le mani per rimuovere il loro guscio e devono essere essiccati in ombra prima di essere fondati in una polvere. Un grammo di questa polvere deve essere assunto quotidianamente con latte fresco per 40 giorni senza interruzione. I semi macinati dovrebbero anch’essi essere applicati sulle aree colpite. I semi di Psorela vengono utilizzati anche come ingrediente nella fototerapia ultravioletta, il trattamento più comune della vitiligine. Preferibilmente, i semi di Psorela dovrebbero essere utilizzati solo sotto guida di esperti poiché potrebbero avere altri effetti collaterali.

3. Semi di ravanelli: I semi di ravanello sono molto preziosi nel trattamento della vitiligine. Circa 40 grammi di semi di ravanello finemente pestati devono essere messi in ammollo durante la notte in una piccola quantità di aceto. La pasta deve essere applicata sulle chiazze bianche e lasciata asciugare per circa due ore o fino a quando si asciuga.

4. Foglie di basilico e succo di lime: E’ un rimedio parecchio conosciuto. Le foglie di basilico hanno vitali caratteristiche anti-virali e anti-invecchiamento che sono utili per la pelle. Fare una pasta con foglie di basilico mescolato con il succo di lime dovrebbe essere applicato fino a tre volte al giorno per un massimo di 6 mesi per ottenere i migliori risultati.

5. Argilla rossa: L’argilla rossa trovata sui letti dei fiumi è ricca di contenuto di rame che aiuta nella ri-pigmentazione della pelle. L’argilla deve essere mescolata in succo di zenzero e applicata sopra i punti bianchi una volta al giorno. Mentre l’argilla rossa aiuta nella ri-pigmentazione, il succo di zenzero serve ad aumentare il flusso di sangue ai punti colpiti.

6. Acqua di rame: Si mette l’acqua di sorgente in una tazza in cui si lasciano in ammollo durante la notte degli utensili in rame. E’ efficace nella promozione della produzione di melanina da melanociti ed è efficace nel tonificare la pelle di una persona colpita da vitiligine. Il principio è lo stesso dell’argilla rossa, ovvero si sfrutta le proprietà benefiche del rame per la pelle.

7. Curcuma: La curcuma mescolata con l’olio di senape è anche un trattamento naturale per la vitiligine. Prendere 5 cucchiaini di curcuma in polvere e miscelarli in 250 ml di olio di senape per applicarli sulle macchie bianche della pelle, due volte al giorno mattina e sera.

8. Vitamina B9 e B12: Uno studio condotto su un maggior numero di pazienti affetti da vitiligine, ha scoperto che l’80% ha avuto una carenza nutrizionale di vitamina B9 (acido folico) e vitamina B12. Sono stati inoltre registrati alcuni casi di totale ri-pigmentazione dopo 3-6 mesi di integrazione di queste vitamine. Oltre ad assumere degli integratori, è importante aggiungere nella propria dieta gli alimenti naturalmente ricchi di vitamina B9 (estratto di lievito, fegato, erbe secche, semi di girasole) e vitamina B12 (fegato, latticini, carne, pesce, spirulina, uova e yogurt).

9. Germe di grano. Si può applicare dell’olio di germe di grano usando del cotone direttamente sulle chiazze bianche. Successivamente bisogna sottoporre al sole la zona trattata per 5 minuti. Non lavarsi immediatamente e ripetere l’operazione tutti i giorni finché non si iniziano a notare i primi cambiamenti.

10. Gingko biloba. L’estratto di gingko biloba somministrato in una dose di 40 mg, tre volte al giorno è stato trovato efficace nell’arresto della crescita della progressiva vitiligine. In alcuni casi è stata osservata anche la ri-pigmentazione. Anche se promettente, i risultati non sono ancora stati confermati da prove più grandi.

 

I contenuti presenti su questo articolo hanno carattere informativo e non si sostituiscono in nessun modo a valutazioni di medici, dietisti o nutrizionisti specializzati o a terapie in atto. Ricordate sempre prima di assumere medicinali o prodotti di consultare un medico e di leggere sempre il foglio illustrativo. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni inserite in questo articolo devono considerarsi di tipo culturale ed informativo.

Leggi anche

Lascia un commento