Siete qui

NEXPLANON: il microchip contraccettivo che dura tre anni

NEXPLANON: il microchip contraccettivo che dura tre anni

Bastoncino anticoncezionale Nexplanon, come si usa, come funziona, effetti indesiderati, controindicazioni e costi

La scelta del contraccettivo giusto per te è una decisione molto importante. Devi essere sicura che ti impedirà di rimanere incinta e di essere felice del modo in cui funziona nel tuo corpo. Scopri i vantaggi di Nexaplanon, il contraccettivo comodo e sicuro a base di progestinico.

Che cos’è e come viene inserito Nexplanon

Nexplanon rappresenta uno dei numerosi metodi di prevenzione del concepimento.

È il nuovo contraccettivo a lunga durata, precaricato in un applicatore monouso per donne di età comprese tra i 18 e i 40. Il blister contiene un bastoncino di plastica piccolo, morbido e flessibile della lunghezza di 4 cm e del diametro di 2 mm che contiene 68 milligrammi del principio attivo Etonogestrel, un ormone progestinico simile al progesterone. L’applicatore consente al ginecologo di inserire l’impianto appena sotto la cute nella parte superiore del braccio. Se correttamente inserita garantisce una protezione superiore al 99%.

Rilascia costantemente Etonogestrel, assicurando per 3 anni un’efficace azione contraccettiva a lungo termine. È quindi un contraccettivo ormonale privo di estrogeno. Nexplanon è usato per la prevenzione della gravidanza.

 Come agisce Nexplanon

Il principio attivo, Etonogestrel, agisce in due modi:

  • Inibisce il rilascio di una cellula uovo dalle ovaia
  • Determina cambiamenti nella cervice che rendono difficile la penetrazione dello sperma nell’utero

Al contrario della pillola di tipo combinato, Nexplanon può essere usato dalle donne che non possono o non vogliono usare estrogeni. Quando si usa Nexplanon non bisogna di prendere la pillola tutti i giorni. Questa è una delle ragioni per cui Nexplanon risulta molto affidabile (efficacia superiore al 99%).

Durante l’uso di Nexplanon, non spaventatevi se il flusso del ciclo mestruale è assente, irregolare, infrequente o frequente, prolungato o abbondante.
Un cambiamento della modalità di sanguinamento non significa che Nexplanon non sia adatto alla donna o che non le stia fornendo una protezione contraccettiva. Di norma, non è necessario alcun intervento. Se il sanguinamento mestruale è intenso o protratto, si deve consultare il proprio ginecologo.

Controindicazioni

Non prendere mai Nexplanon nel caso in cui si ha un’allergia al principio attivo Etonogestrel o ad altri componenti di questo medicinale; se si ha una trombosi, ad esempio nelle gambe (trombosi venosa profonda) o ai polmoni (embolia polmonare).

Non indicata se si soffre di ittero, di diabete, di pressione alta, di una grave malattia al fegato o di un tumore al fegato. Se ha avuto un cancro al seno o agli organi genitali, se ha avuto un sanguinamento vaginale atipico. Può occasionalmente comparire cloasma (macchie di colore giallo – bruno sulla pelle), soprattutto nelle donne con storia di cloasma gravidico. Le donne con tendenza al cloasma devono evitare l’esposizione al sole o alle radiazioni ultraviolette durante l’utilizzo di Nexplanon.

Avvertenze

È  importante sapere che:

Non si deve usare Nexplanon se è incinta o pensa di esserlo. In caso di dubbio, si procuri  un test di gravidanza prima di iniziare ad usare Nexplanon.

Il contraccettivo ormonale può essere usato durante l’allattamento. Nonostante piccole quantità di sostanza attiva di Nexplanon passino nel latte materno, non ci sono effetti sulla produzione o sulla qualità del latte o sulla crescita e sviluppo del bambino. Se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico prima di usare questo medicinale.

Effetti indesiderati

Come tutti i farmaci, anche Nexplanon può causare effetti indesiderati. Durante il suo utilizzo, come abbiamo spiegato nel paragrafo precedente, può verificarsi un flusso mestruale a intervalli irregolari.

Può trattarsi solo di lieve spotting che non richiede nemmeno l’uso di un assorbente, oppure di un sanguinamento più intenso, che assomiglia a una mestruazione leggera e richiede l’uso di assorbenti. È possibile anche non avere alcun sanguinamento. I sanguinamenti irregolari non sono un segno di riduzione della protezione contraccettiva di Nexplanon.

Tra gli effetti indesiderati più comuni:

  • Acne
  • Mal di testa
  • Aumento del peso corporeo
  • Tensione e dolorabilità mammaria
  • Sanguinamenti irregolari
  • Infezione della vagina

Tra gli effetti indesiderati non comuni:

  • Prurito
  • Eruzione cutanea
  • Infezione vie urinarie
  • Secrezioni mammarie
  • Vomito
  • Stipsi
  • Ritenzione dei liquidi

Altri medicinali e Nexplanon

Informi sempre il medico sui medicinali che sta già prendendo. Informi anche gli altri medici o dentisti che prescrivono altri farmaci del fatto che sta usando Nexplanon, in modo che possano stabilire se sia necessario usare metodi contraccettivi aggiuntivi (per esempio un profilattico) e in questo caso, per quanto tempo, o se sia necessario modificare l’impiego di un altro medicinale che sta assumendo.

Alcuni medicinali:

  • possono influire sui livelli di Nexplanon nel sangue
  • possono rendere meno efficace la prevenzione di una gravidanza
  • possono provocare sanguinamenti inattesi

Tra questi vi sono i medicinali impiegati nel trattamento delle seguenti patologie:

  • epilessia (ad es., primidone, fenitoina, barbiturici, carbamazepina, oxcarbazepina, topiramato, felbamato),
  • tubercolosi (ad es., rifampicina),
  • infezioni da HIV (ad es., ritonavir, nelfinavir, nevirapina, efavirenz),
  • infezione da virus dell’epatite C (ad es., boceprevir, telaprevir)
  • altre malattie infettive (ad es., griseofulvina),
  • pressione sanguigna alta nei vasi sanguigni dei polmoni (bosentan),
  • umore depresso (il rimedio a base di erba di S. Giovanni (Hypericum perforatum)

Nexplanon può influenzare l’effetto di altri medicinali:

  • medicinali contenenti ciclosporina
  • l’antiepilettico lamotrigina (questo può portare ad un aumento della frequenza delle convulsioni)

Come si deve rimuovere Nexplanon

  • L’impianto deve essere rimosso solo da un ginecologo qualificato
  • La localizzazione del sito di inserimento è indicata nella scheda per l’utilizzatrice
  • Il ginecologo localizzerà l’impianto. Se l’impianto non fosse localizzabile, può usare i raggi X, la CT, gli ultrasuoni o la risonanza magnetica.
  • Il  braccio sarà disinfettato ed anestetizzato.
  • Sarà praticata una piccola incisione lungo il braccio appena sotto la punta dell’impianto
  • L’impianto viene spinto dolcemente attraverso l’incisione e rimosso con una pinza
  • Occasionalmente l’impianto può essere circondato da un tessuto duro. In questo caso deve essere praticato un piccolo taglio in questo tessuto prima di rimuovere l’impianto.
  • Se vuole che il ginecologo sostituisca Nexplanon con un altro impianto, il nuovo impianto può essere inserito usando la stessa incisione.
  • L’incisione sarà chiusa con un cerotto sterile.
  • L’uso di una garza sterile con un bendaggio a pressione per minimizzare l’ematoma. Può rimuovere il bendaggio a pressione dopo 24 ore e la piccola garza sopra il sito di inserimento dopo 3-5 giorni.

Dopo la rimozione di Nexplanon, l’ormone risulta non essere più presente nell’organismo della paziente, già nell’arco di qualche giorno e generalmente le pazienti ritornano fertili nell’arco di qualche settimana.

Costi

NEXPLANON è disponibile in classe C e può essere acquistato esclusivamente dagli specialisti in ostetricia e ginecologia. Il prezzo è di € 164.20.

Ricordate sempre prima di ricorrere a Nexplanon di consultare un medico e di leggere sempre il foglio illustrativo del medicinale.

I contenuti presenti su questo articolo hanno carattere informativo e non si sostituiscono in nessun modo a valutazioni di medici, dietisti o nutrizionisti specializzati o a terapie in atto. Ricordate sempre prima di assumere medicinali o prodotti di consultare un medico e di leggere sempre il foglio illustrativo. Nel rispetto del Codice di Condotta prescritto dal D.L. 70 del 9/4/2003, le informazioni inserite in questo articolo devono considerarsi di tipo culturale ed informativo.

Leggi anche

Lascia un commento